La Storia di FoW: Il ritorno della Sacerdotessa della Luna

La luna blu scintillava nel cielo. Sull’altro lato in una camera segreta del palazzo della capitale, Kaguya si svegliò.

“Un brutto risveglio come sempre eh?!”

Faceva lo stesso sogno tutte le notti: la battaglia che aveva combattuto mille anni prima e il dolore di dover abbandonare la terra e la sua gente. In aggiunta a tutto ciò, le voci piene di odio delle creature che aveva sigillato continuavano a tormentarla diventando sempre più reali ogni giorno di più.

E’ il destino di coloro che sono destinati a vivere per sempre.

Uno dei Sei Saggi, Grusbalesta, disse:

“Se guardi un seme, vedrai una perfetta rappresentazione del ciclo della vita e della morte. Come lo scorrere dell’acqua, l’energia vitale si ricicla continuamente.
Ma l’immortalità ferma questo fiume e imprigiona la vita stessa in un singolo attimo. L’impossibilità di morire non significa che la vita vada avanti, il contrario, è quella che possiamo chiamare una “maledizione””

Ad ogni modo quella vita distorta era stata necessaria a sigillare gli Cthulhu. Per rendere Kaguya immortale, i Sei Saggi riversarono tutti i loro poteri e le loro stesse essenze in delle pietre. Per tenere il nemico imprigionato ci voleva un catalizzatore e poteva essere solo la principessa e la sua imperitura giovinezza. Questa fu la fine della guerra, e l’inizio della sua sofferenza.

Attraverso i millenni, l’unica cosa che le rimaneva da fare era guardare le stelle dalla luna blu delle illusioni.

“Kaguya, devo lasciarti in fretta. “Lui” è apparso” Disse Alice che era in visita a Kaguya sulla luna.

“Capisco, anche tu hai la tua guerra da combattere anche se la mia attuale forma non riesce bene a comprenderla”

“Un giorno capirai, ma ora non è il momento giusto per parlarne. Bene lascio qui la pietra delle illusioni per il momento”

“Grazie, per completare il rituale avrò bisogno del potere di tutti i saggi ancora una volta”

“Vuoi usare il sigillo del millennio su di loro ancora una volta?!”

“No è impossibile sigillarli al momento. L’arte segreta ha bisogno di lunghissimi preparativi per poter essere completata”

“Se lo dici tu ci credo”

“Se il rituale andrà bene e sopravviverai al tuo viaggio attraverso i mondi, ti prego, torna da me, perchè avrò qualcosa per te”

“Ricevuto principessa! Bene arrivederci!” E così Alice cominciò il suo lungo viaggio.

“Bene cominciamo il rituale del millennio”

l rituale nella sua vera forma necessita di tutta l’energia che Kaguya ha accumulato nel corso dei secoli. In accordo con le profezie, ad un certo punto il sigillo del millennio svanirà e gli antichi rinasceranno di nuovo in corpi viventi grazie al rituale. Il fatto è che nel momento preciso del rituale è necessario un grande potere e la forza magica dei Sei Saggi era necessaria ancora una volta. Uno di loro era già lì nella forma di Moojdart la pietra della fantasia, e l’altro…

“Finalmente hai cominciato eh Kaguya?!”

Un famiglio apparve dal nulla e con esso in un alito di vento che trasportava uno dei Sei Saggi: Fiethsing, il Magus del Sacro Vento.

“Fiethinsg! Ho bisogno anche del tuo potere, mi aiuterai?”

“Certamente! Finalmente ci libereremo di quelle cose disgustose. Anche Zero ti aiuterà… Forse…”

“Lascerò anche io la luna per unirmi a Pandora sulla Terra. Lei ha ereditato la speranza di Grimm e Lumia e può guidarci alle restanti pietre dei Saggi. Da quel momento in poi saremo in grado di fronteggiare la Luna Nera”

“Questa è la nostra ultima battaglia vero?! Questi ultimi millenni ti hanno cambiato in meglio”

“Cambiato… ME? E’ stato terribile finora”

“Lo so, ma te lo prometto da domani soffierà un vento nuovo”

“Davvero? Se è così sarà davvero grandioso!”

Viaggiando attraverso l’universo, Kaguya giunse sulla terra con il cuore pieno di speranza. Per la prima volta dopo tanto tempo si sentì un pò più felice.

Ultima Notte

A causa del ritorno degli Antichi, questa stella era caduta in una nuova crisi dopo migliaia di anni. Grazie alla luna nera quei mostri avevano cominciato ad invadere il pianeta e a marciare tracotanti certi della vittoria.
Tra di loro c’era una figura che conosciamo bene… Quella che pretendeva di essere Cappuccetto Rosso ed aveva accompagnato Grimm nel suo viaggio, ma che alla fine aveva rivelato la sua vera natura nel combattimento con la Vera Cappuccetto Rosso sul castello volante

Lei che aveva sempre mentito, a tal punto che le sue menzogne erano divenute reali. Il suo nome era Nyarlathotep e ora si trovava alla guida dell’orda degli invasori.

In quel momento Kaguya arrivò dalla luna pallida in testa ad un’armata e cominciò il rituale per dare agli Antichi un corpo mortale ed allo stesso tempo per porre fine alla sua immortalità. Ma il potere di quelle creature era più grande di quanto pensasse.

Infatti mentre Al Hazred stava pensando ai suoi piani diabolici e la falsa Cappuccetto Rosso stava creando la luna nera, gli Antichi recuperavano i loro vecchi poteri. Quando tutto sembrava ormai perduto, Pandora apparve per risolvere la situazione ormai disperata.

“Kaguya lascia fare a me!”

Pandora liberò l’incarnazione della speranza di Grimm e Lumia: Grimmia che immediatamente fermò il potere degli Cthulhu. In quello stesso istante Kaguya concentrò tutto il suo potere insieme a quello della luna , dei Sei Saggi e delle Vere Pietre Magiche e lanciò il rituale del millennio.

Una luce intensissima l’avvolse e la sua energia, accumulata nel corso dei millenni oscurò persino la luna. La luce cancellò le tenebre e gli immortali si arresero al suo potere. La stessa Kaguya che aveva vissuto migliaia di anni, cominciò a sentire tutti secoli trascorsi venirle alla mente e intanto la sua coscienza però veniva meno.
La luce fece sparire tutte le lune: la luna nera perse i suoi poteri, mentre quella blu, una volta svolto il suo compito divenne trasparente.

Gli Cthulhu persero la loro immortalità una volta divenuti umani. Alcuni si reincarnarono semplicemente in persone altri si persero nell’oblio. Il mondo superò quindi questa terribile minaccia ancora una volta.

Quindi qualche giorno dopo…

La gente nel Palazzo di Luce organizzò una sontuosa cerimonia in onore di Grimm e Lumia. La luce di Kaguya mostrò l’enorme potere di Scheherazade ancora una volta, riuscendo a riportare in questo mondo a nuova vita sia Grimm che Lumia. Vicino a Grimm c’era Pandora.

Lei era davvero felice per la prima volta nella sua vita e finalmente la terra riprese a fiorire.

Alla fine al centro della luce qualcosa era nato. Al centro di un bambù scintillante stava piangendo una bambina e le sue erano lacrime di gioia.

Due maghi però osservavano la scena…

Fonte fowtcg.com

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *