La Storia di Fow – I Sette Re – Capitolo 2: Shangri-La, la città sui mari

I Sette Re – Capitolo 2: Shangri-La, la città sui mari

Dopo essersi riunite sul campo di battaglia, Alice e Faria fecero ritorno al castello di Gloria.

“Tuo fratello non è ancora tornato, huh?”

“Già… Sono passati dieci anni da quando se n’è andato. Ma io credo ancora che tornerà da noi.”

“E la tua sorellina?”

“Se fosse solo questione di rimanere in vita, direi che sta bene. E’ solo che sta nel castello a dormire e raramente trova la forza di alzarsi. Ci sono volte in cui passa settimane senza muoversi”.

“Capisco. Deve essere dura per te.”

“Hai ragione, ma non mi lamento. Ho scelto questo quando sono diventata regina. Di sicuro tu non te la passi meglio.”

“Io?”

“Sì. Devi aver avuto un motivo per venire in questo mondo, giusto? E’ difficile immaginare che tu sia tornata qui dopo dieci anni solo per aiutare me.”

“Hm? Lo hai capito dalla mia espressione?”

“Haha. No, no. Nulla di simile. E’ solo che… col passare del tempo sono diventata brava a capire quando qualcuno ha bisogno di aiuto”.

Alice spiegò che aveva seguito una particolare e pericolosa creatura che era giunta nel loro mondo. Lui era molto pericoloso.

“Capisco. E così ci sono così tanti mondi oltre a questo.”

“Questo mondo è controllato da sette re. Se vuoi riuscire a sconfiggere un essere così potente, avrai senza dubbio bisogno del nostro aiuto. L’uomo che ho combattuto prima è il Re della Fiamma, Melgis. Lui è… piuttosto ostinato, ci vorrà molto per convincerlo, ma ti prometto che mi impegnerò al massimo per farlo. Dopo che oggi ho incassato la sua Arte degli Dei, potrebbe mostrare del rispetto nei miei confronti!
Arla invece,  è un uomo onorabile, e Pricia non desidera altro che la pace, convincere loro non dovrebbe essere un problema, manderò un messaggio ad entrambi. Il problema sono gli ultimi tre. Hmm, Alice, sarà meglio che tu ti metta in viaggio per Shangri-La”.

“Shangri-La?”

“Ah scusa. E’ una città mercantile che galleggia nell’oceano. la chiamano il paradiso sul mare. Il sovrano di quel posto è Valentina. Può rivelarsi un po’… eccentrica. Non è facile capire cosa ha in mente, ma se si tratta di te Alice…non ci dovrebbero essere problemi.”

“Me? Perchè?”

“Perchè sei molto graziosa!”

“Huh? Tutto qui?”

“Haha, sì. Tutto qui”

 

—————————————-

SKL044_logo

Il sovrano di Shangri-La è la Principessa dell’Amore, Valentina.

“Shion, canteresti per me una canzone?”

12066005_10154518368661509_7871397497871079810_n

“Ma certo Lady Valentina. Che tipo di canzone preferisce?

“Gia, di che tipo… una che susciti entusiasmo. Una che annunci un nuovo incontro”

“Sì, mia Lady.”

Valentina desiderava fortemente un nuovo incontro. Fin dalla sua nascita a Shangri -La nutriva una vera e propria passione per le belle cose. Per lei, collezionare oggetti o persone non faceva differenza. Incontrare ed acquisire cose nuove e belle era tutto ciò che aveva sempre desiderato. Tutto il resto veniva scartato velocemente, avidità ed invidia erano da sempre radicate in lei. Col tempo, divenne nota, in modo del tutto ironico, come “La Principessa dell’Amore”

“Lady Valentina, c’è qualcuno che desidera incontrarti. Come dovremmo procedere?”

Un servo era apparso per annunciare a Valentina l’arrivo di un ospite.

“Che aspetto ha?”

“Soddisfa abbondantemente i vostri requisiti, mia signora”.

“Fatelo passare”.

“Sì, mia signora.”

SKL-FA-Valentina-Princess-of-Love-2-

Fin dal suo arrivo a Shangri-La, Alice si era ben resa conto di avere tutti gli occhi puntati addosso. Sguardi che stimavano la sua bellezza, la sua vita, il suo essere.  Era un’abitudine di questa città mercantile oppure qualcuno aveva iniziato ad interessarsi a lei molto velocemente?

“Non mi piace… Non sono l’unica qui. E’ pieno di gente, perche tutti continuano a…”

“Ti è stata concessa udienza, puoi passare.”

“Va bene, grazie.”

Alice oltrepassò i cancelli aperti, giungendo faccia a faccia con Valentina.

“Quindi tu saresti Valentina? Il mio nome è Alice. C’è poco tempo quindi mi spiegherò più in fretta che po….”

“Ok, concordo.”

“Ehh? Ma se non ho detto ancora nulla.”

“Non rifiuterei mai la prima richiesta di una bambina così graziosa. Ti trovo abbastanza piacevole, dunque non hai nulla di cui preoccuparti.”

Alice pensò a quel che aveva detto Faria a proposito di Valentina, ma non pensava che sarebbe stato davvero così semplice! Ad ogni modo, sapeva che avrebbe dovuto offrire alla Principessa qualcosa in cambio.

“Non rifiuterò la tua richiesta, ma in cambio dovrai…Essere mia per sempre!”

“Uhh… è che… beh… scusa ma io…devo aiutare Faria e la sua gente, così da proteggere questo mondo.”

Faria l’aveva avvertita che un rifiuto non le avrebbe fatto piacere. In ogni caso, l’espressione di Valentina rimase immutata.

“Molto bene. D’accordo. Ora lascia che ascolti la tua richiesta. Come ho detto prima, non la rifiuterò.”

“Huh? Davvero? Beh… grazie. C’è una cosa che sto inseguendo, una creatura… per combatterla  ho bisogno dell’aiuto dei Re di questo mondo, per questo sono qui. Vorrei chiedere a te e agli altri Sovrani di lottare con me.”

“Capisco. Se è questo che desideri, sarà meglio tenere una conferenza con tutti i Sette Re. Ho relazioni commerciali con Leginus, la città meccanica, proverò a contattarli, che ne dici?”

“Sarebbe perfetto. Grazie.”

Sorpresa ma soddisfatta del risultato, Alice andò via. Nonostante la sua richiesta fosse stata esaudita, non riusciva a scrollarsi di dosso la sgradevole sensazione che le provocavano gli sguardi fissi su di lei mentre lasciava Shangri-La.

“Shion, canteresti per me una canzone?”

“Ma certo Lady Valentina. Che tipo di canzone preferisci?

“Vediamo… qualcosa di.. appassionante. Che cominci come lussuria e diventi un potente amore”.

“Sì, mia signora”.

Il desiderio di Valentina diventava sempre più intenso.

“E’ andata proprio come avevi detto. Alice è venuta oggi”

“Dunque? Che cosa farai?”

“Non è forse ovvio? Regnerò. Come previsto”.

“Capisco… Beh buona fortuna.”

Una strana ragazza, con un abito crepuscolare, rispose a Valentina. Al suo fianco sedeva un gatto nero come la pece, con gli occhi puntati su qualcosa di lontano. Il gatto miagolò dolcemente…

It-TTW-100-R-regalia_OL

Traduzione di: Valerio Luzzi ;  Fonte: fowtcg.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *