Antiche Notti – Capitolo 2: La foresta degli Elfi Oscuri

“Tu laggiù, fermo dove sei!”
“Ah, quindi sono stato seguito…” Disse Gill, seguendo le istruzioni della voce misteriosa.
Poco dopo essere entrato nelle terre degli Elfi Oscuri, Gill  fu circondato. Non aveva intenzione di combattere, ma sapeva che gli Elfi Oscuri erano pronti a giudicare gli estranei, e preparò un incantesimo per ogni evenienza. Niente di offensivo, naturalmente, un controspionaggio difensivo per dargli un po ‘ il tempo di spiegare cosa faceva li. Però…
“È abbastanza lontano.”
Gill sentì il freddo acciaio di un coltello che premeva sulla sua gola. Non era riuscito ad evitarlo ed ora, un Elfo Oscuro era dietro di lui. Gill alzò le mani, sapeva che non avrebbe ascoltato le sue suppliche ma almeno sarebbe una fine veloce.
“Che cosa hai intenzione di fare con me?” Chiese Gill dopo aver notato l’esitazione nella lama sul suo collo.
“Lo stesso che facciamo con tutti i trasgressori..o così mi piacerebbe. Sono passati alcuni mesi, Gill. “
“Frayla? Per favore non salutarmi più in questo modo. “
Haha, le mie scuse. Quando i miei esploratori mi hanno riferito che eri nelle nostre terre, non potevo resistere e stuzzicarti un po ‘. “
Nonostante non fosse stata investita ufficialmente da nessuno, Frayla era diventata difatto il capo degli Elfi Oscuri dopo il loro esilio. Anche se non lo dimostrava, aveva molti più anni di Gill.
“Dove sei diretto? Avresti potuto avvertire, Se non fossi stata qui avresti fatto una brutta fine probabilmente. I Panda Sasarian vi hanno preceduto, anche se solo il loro re si è avventurato oltre “.
“Interessante. Suppongo che sia una fortuna. “
“Non sarai un nemico dei Panda ora, vero?” Frayla sogghignò.
“Non esattamente. Sembra che stiamo dando la caccia alla stessa cosa. “
“Haha, quindi? Cosa ti porta qui?”
“ILE voci sul Castello OScuro, sono sicuro che ne hai sentito parlare…”
“Mh…” Frayla rifletté per un momento. Gill pensò che Frayla poteva nascondere qualcosa. Il Castello si trovava più o meno ad un giorno di marcia dal punto nel quale si trovavano, se qualcuno era a conoscenza di qualcosa, erano proprio gli Elfi Oscuri.
“È successo qualcosa?” Chiese Gill vagamente, sperando di colpire nel segno e ottenere una risposta.
“Heh, stai sperando di ottenere qualcosa da me? Non c’è bisogno di nasconderltelo, molti dei miei esploratori sono spariti  nelle vicinanze di quell’edificio. Ho ordinato a tutti di non avvicinarsi, e dovresti farlo anche tu. C’è qualcosa di pericoloso li attorno”
“Sai bene che devo vederlo coi miei occhi, sono fatto così “
L’eccessiva curiosità sarà la tua rovina.” Frayla lo avvertì.
“Ma senza di essa, non impareremmo mai nulla! Frayla, se i tuoi esploratori sono ancora vivi, prometto che li riporterò indietro.
Gill sospettò che gli esploratori e gli altri potessero essere stati lasciati in vita, forse alcuni di loro erano stati liberati in seguito a qualche incantesimo di cancellazione parziale della memoria. Questo avrebbe spiegato la diffusione della voce. Era forse un tentativo di attirare l’attenzione di qualcuno?
“Haha, sciocco o no, ti sono grata per la tua gentilezza. Non sono in molti ad essere così gentili con gli Elfi Oscuri. ” L’espressione di Frayla si addolcì.
“Sono gentile con lle belle ragazze.” Gill sogghignò. (Ok, dopo questa è sicuramente gay 10+)
“La tua sfrontatezza mi piace meno della tua curiosità…” Frayla roteò gli occhi.
“Ad ogni modo, sono autorizzato a passare?”
“Sì. Farò in modo che le mie guardie Hilda e Saffina ti portino il più lontano possibile.”
Al segnale di Frayla, due Elfe Oscure emersero dall’ombra. Non sembravano particolarmente contente che Gill conversasse liberamente con il loro capo. (Beeeneee :D)
“Sei sicura che mi guideranno? Sembrano più pronte ad uccidermi. “
“Non uccidiamo irragionevolmente, ma tu cerca di non stuzzicarle troppo… “
“Farò del mio meglio, purché mi mostrino la via. Grazie, Frayla. “
“Di Nulla”
Saffina e Hilda si avvicinarono a Gill, come se fosse un loro prigioniero, invece lo guidarono con attenzione.
“Non è la strada giusta.” Aveva detto Saffina.
“Sbagliato, vai a sinistra.”  anche Hilda corresse Gill.
Gill seguiva le loro istruzioni con un leggero fastidio. Mentre proseguivano, si accorse di qualcosa che non andava, una presenza che forse li stava seguendo. Non era sicuro che le Elfe se ne fossero accorte, non mostravano alcuna espressione particolare. All’improvviso un piccolo oggetto luminoso venne lanciato verso i tre, lasciando una scia brillante. Pensò che si trattasse del Re Panda.
“Voi due, nascondetevi.” Ordinò Gill. I due Elfi Oscuri non si mossero, non volendo prestare attenzione agli ordini di un umano.
“Ahh…., voi due siete così fastidiose!” Gill afferrò Hilda e Saffina e costruì una barriera magica difensiva attorno a loro tre, sperando di evitare l’attacco della gemma. Sebbene l’attacco del Re Panda  fosse davvero potente, l’abilità di Gill con la Magia dello Spirito si dimostrò efficace nel fermare l’imboscata.
“C-cosa pensi di fare!”  Dissero le due Elfe quasi all’unisono.
“Voi due avete fatto abbastanza, mi avete guidato fino a qui, ora tornate da Frayla.” Gill spinse le due Elfie Oscure  nella direzione da cui erano venuti , e si voltò verso il punto da cui era arrivato l’attacco della gemma.
[Fonte: fowtcg.com]
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *