TSW 10: La Caduta del Palazzo di Sasaru

Dato che arrivarono alla Porta dell’altro mondo senza complicazioni, Reiya decise di fare agli amici solo un breve riassunto, raccontando loro solo le cose più importanti. Inutile dire che Gill e Taegrus rimasero sorpresi dalla storia di Reiya.
Per quanto folle potesse sembrare, gli eventi che descrisse dovevano essere la verità, perché nient’altro poteva spiegare lo strano fenomeno che stava accadendo in questo mondo. Reiya era un emissario da 10.000 anni nel futuro, rimandato indietro per fermare La Strega del Tempo.
Gill  ha finalmente appreso il significato del criptico titolo “Re della Storia” che gli era stato datodal Re dei demoni. Il “Re della Storia” è stato proprio il Gill Alhama’at che è apparso nella storia di Reiya. Senza dubbio, quella era la forma originale che Gill avrebbe dovuto prendere nella storia del futuro. Significa che i sogni che Gill ha continuato a vedere sono frammenti della vita di Gill Alhama’at, i ricordi di un giovane che ha acquisito il vero potere … e ha portato alla rovina il mondo.
36f160ce-cf01-484a-809A-6f5201f410d6.jpg
Eppure rimanevano ancora diverse domande senza risposta.
“Giusto per essere chiari, nella storia del mondo originale, divento questo tizio di Gill Alhama’at?” Chiese Gill, mentre chiudevano le porte verso l’altro mondo.
“Si, è corretto.”
“Ma perché?”
“Il destino è una cosa volubile … chissà perché sei diventato Alhama’at. Ma mi piacerebbe pensare che il tuo destino adesso sia cambiato. Ad essere sinceri, originariamente non avevo intenzione di lavorare con te, il te originale. Avevo pianificato di prendere qualsiasi potere tu avessi e usarlo per combattere la Strega da sola. Tuttavia, quando sei arrivato al mio castello con degli alleati, eri cambiato e il destino di questo mondo con esso. Forse questo mondo è uno in cui non diventi Alhama’at. Ancora…”
“Ancora?”
“Alhama’at ha cercato di influenzarti, vero?”
“… Intendi neimiei sogni?” Gill ricordò i sogni ultraterreni che aveva fatto negli ultimi tempi.
“Ho pensato che… Alhama’at sti cercando di ri-manifestarsi in questo mondo.”
“È possibile? Oh, vedo … finché c’è un “corpo” potrebbe essere solo … “
“Esatto. Per ricomparire avrebbe bisogno di un “corpo” con un potere magico simile e simile personalità. Quindi tu, il corpo più giovane di Alhama’at stesso, saresti come un “contenitore” perfetto. Senza dubbio ha intenzione di raggirarti e usarti per combattere la Strega. “
“Capisco. È … problematico. “Gill meditò un po ‘. La fonte di questi sogni, in altre parole l’interferenza di Alhama’at, potrebbe essere la stessa Ultra Pietra Magica, poiché i sogni gli avevano mostrato il percorso verso la Torre Eterna in cui si trovava. Gill era bloccato da una decisione difficile. Aveva bisogno di potere per sconfiggere la Strega, ma aveva anche bisogno di un modo per sfuggire all’influenza di Alhama’at.
“Fatemi partecipare alla conversazione!” Taegrus si intromise tra Reiya e Gill.
“… Sai, preferirei di no.” Gill sogghignò.
“Oh tranquillo! Vuoi che ti colpisca? “, Replicò Taegrus mentre dava una pacca sulla schiena di Gill,” Come stavo per dire, ho anche delle domande. Quella Strega di cui hai parlato, quando arriverà? Così come quegli alleati, quanto sono forti? “
“Non ti preoccupare, sanno badare a loro stessi. E non devi preoccuparti della Strega, questa è la mia battaglia, la combatterò da sola” Disse Reiya.
“Non c’è modo. Non importa quanto sia forte il nemico, li combatteremo insieme. Potresti non averlo ancora realizzato, Reiya, ma siamo già amici! E come amici combatteremo insieme! ” Insistette Gill.
“Di cosa stai parlando …” Reiya borbottò  incredula.
Taegrus annuì in accordo con Gill, “Hmph. Noi panda abbiamo un modo di dire per questo. Una battaglia combattuta o un pasto condiviso rende davvero amici. “
“Ragazzi … siete incredibili.” Reiya sospirò esasperata.
Fu in quel momento, un forte suono tuonò in lontananza, seguito da un grande pennacchio di fumo nero che saliva.
“Proviene dal mio palazzo! Non c’è tempo! Vieni, Alessandrite!” Taegrus sollevò il gioiello arcobaleno nell’aria mentre cominciava a brillare. L’Alessandrite apparve mentre scendeva sotto le nuvole, Taegrus si imbarcò sulla nave.
4c427002-5d50-41eb-a666-2b21f730df39.jpg
“Taegrus, aspetta! Vengo anch’io!” Gridò Gill.
“Non così in fretta.”
“Reiya?”
“Gill, hai altre questioni a cui partecipare. Vai a confrontarti con l’Alhama’at che risiede dentro di te prima che sia troppo tardi. Se non rimuovi la sua influenza su di te e lui prende il controllo, non avrò altra scelta che ucciderti io stessa. ” 
“Va bene, se mi uccidi puoi ancora assorbire il mio potere e combattere la Strega, giusto?”
“Questa è l’ultima risorsa. Se possibile sarebbe meglio finire tutto senza ucciderti. “
“Perché? Uccidermi era il tuo piano originale, vero? “
“Sì ma … siamo amici ora. L’hai detto tu stesso, vero?”
Sentendo l’inattesa risposta di Reiya, Gill non poté fare a meno di sorridere. “Si. Giusto. Quindi non morire adesso con me, Reiya. “
“Ti rendi conto a chi stai dicendo questo?” 
“Morire è una preoccupazione inutile per te, non è vero?”
Gill si diresse verso la casa del suo vecchio genitore adottivo e insegnante Laurite. Laurite gestiva una vasta biblioteca sotterranea ed era esperto di magia, lui avrebbe potuto sapere come fermare l’influenza di Alhama’at su se stesso.
Per quanto riguarda Taegrus e Reiya, continuarono verso il Palazzo si Sasaru, trovandolo nel caos. I panda arrancavano selvaggiamente prima di fuggire, come se fossero confusi. Taegrus si precipitò nel palazzo senza esitazione.
In mezzo al palazzo in rovina, si ergeva una donna umana solitaria.
“Hehehe”
La donna ridacchiò nonostante la situazione precaria, come se godesse della distruzione intorno a lei. Taegrus capì chi era il nemico subito e caricò immediatamente verso di lei, tentando di attaccare per primo. Tuttavia, proprio mentre stava per raggiungere il raggio d’azione per colpire, due spade, una nera e una bianca, uscirono dal nulla e intrappolando Taegrus, inchiodandolo.
4c77d5f7-8b73-41be-8165-d1f12b258f92.jpg
“Sei una furfante, pronuncia il tuo nome!” Ribatté Taegrus, scoprendo i denti mentre fissava la donna.
Il Palazzo crollava tutt’attorno a loro e nello stesso tempo si stava riformando, come se la magia della distruzione e della ricostruzione stessero lavorando insieme. Al posto del vecchio Palazzo di Sasaru, ne sorgeva uno nuovo, bianco e luminoso.
“Mi chiamo Aimul. Benvenuto al Palazzo di Luce, oh tu che ti aggrappi ancora alle fugaci speranze. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *